Print   

IMMIGRATION LAW

Legislative Decree No.286 of 25.7.1998 as amended by Law No.189 of 30.7.2002

(...)

Article 12

Provisions on unlawful immigrations

1. Unless the fact constitutes a more serious offence, whoever - infringing the provisions of this Consolidated Text -accomplishes actions directed to procuring entry into the territory of a foreign state or actions directed to procuring the unlawful entry in an other state of which the individual is not a national or is not entitled to permanent residence, shall be punished by a term of imprisonment of up to three years and a fine up to 15,000 for each individual.

2. Without prejudice to article 54 of the Criminal Code, rescue and humanitarian relief afforded in Italy to aliens in state of need being on the territory of the state shall not constitute an offence.  

3. Unless the fact constitutes a more serious offence, whoever -with a view to obtaining a benefit, even indirectly -  accomplishes actions directed to procuring someone's entry into the Italian territory, infringing the provisions of this Consolidated Text, or directed to procuring the unlawful entry in an other state of which the individual is not a national or is not entitled to permanent residence, shall be punished by a term of imprisonment from four to twelve years and a 15,000  fine for each individual. The same penalty applies where the fact is committed by three or more individuals in complicity with one another or by means of international transport services or counterfeited or altered or anyhow illicitly obtained documents.

3-a. Penalties set out under paragraph 3 shall be increased where:

a) the fact concerns entry into or illegal stay in the state's territory of five or more individuals;

b) in order to procuring entry or illegal stay, the individual's life or safety was endangered;

c) in order to procuring entry or illegal stay, the individual was subjected to inhuman or degrading treatment.

3-b. Where the facts under paragraph 3 are committed for the purpose of recruiting persons with intent that such persons engage in prostitution or for sexual exploitation or concern the entry of minors to be used in illicit activities for the purpose of favouring their exploitation, the penalty shall be a term of imprisonment from five to fifteen years and a 25,000 fine for each individual.

3-c. Mitigating circumstances other than the one under article 98 of the criminal code -concurring with the aggravating circumstances under paragraphs 3-a and 3-b -shall not be deemed as equivalent to or prevailing over the latter and sentence reductions shall be applied over the penalty resulting from the increase due to the said aggravating circumstances.

3-d.. With respect to the offences under the previous paragraphs, penalties shall be reduced by up to one half with regard to the defendant who endeavours in such a manner as to prevent tl1e criminal activity having further consequences or gives genuine assistance to the police or the judicial authorities to collect corroborative evidence to reconstruct the events, identify or apprehend one or more offenders or detect vital resources for the commission of offences.

3-e. With regard to Article 4-a, paragraph 1, third sentence, of Law no.354 of 26 July 1975, as amended, after the words “609-g of the criminal code”, the following words shall be added: “as well as article 12, paragraphs 3, 3-a, and 3-b of the consolidated text set out under the legislative decree no.286 of 25 July 1998”.  

4. In cases set out under paragraphs 1 and 3, apprehension flagrante delicto shall be compulsory and forfeiture of the means of transport used for the same offences shall be ordered, also in case of plea bargain (applicazione della pena su richiesta delle parti). In the same cases, a summary trial (giudizio direttissimo) shall be held unless special investigations are necessary.

5. Without prejudice to cases set out under the previous paragraphs, and unless the fact constitutes a more serious offence, whoever, for the purpose of obtaining an unjust benefit from the alien's illegal situation or, within the activities punished pursuant to this article, favours the alien's stay in the territory of the state so infringing the provisions of this consolidated text, shall be punished by a term of imprisonment up to four years and a fine up to thirty million liras.

6. Air, sea or land careers are obliged to make sure that the transported alien owns the documents required for entry into the state territory and to report to the border police body where irregular aliens are on board their means of transport. Where obligations under this paragraph are not complied with, an administrative sanction shall be applied consisting of the payment of a sum from one to five million liras for each transported alien. In the most serious cases, suspension from one to twelve months or withdrawal shall be ordered with respect to licences, permits or franchises issued by the Italian administrative authority regarding the professional activity performed and the means of transport used. The provisions under Law no.689 of 24 November 1981 shall be complied with.

7. In the course of police operations for the purpose of the fight against illegal migrations, ordered under the instructions set out under article 11, paragraph 3, law enforcement officials and agents operating in border areas or territorial waters may check and inspect means of transport and transported items -though subjected to special customs regime -where, due to specific circumstances relating to time and place, there are reasonable grounds to believe that they be used for either of the offences set out under this article. A record is drawn up on proper forms of the results of such checks and inspections. Within 48 hours, this record shall be transmitted to the Chief Prosecutor who validates it within the following 48 hours, if the case so requires. Under the same circumstances, law enforcement officials may also effect searches in compliance with the provisions under article 352, paragraphs 3 and 4 of the code of criminal procedure.

8. Properties seized in the course of police operations directed to the prevention and punishment of offences under this article shall be entrusted in custodia legis to the prosecuting judicial authority, unless procedural requirements prevent it, to police bodies which request them for use in police activities or to other state bodies or public authorities for purposes of justice, hazard and environmental protection. Means of transport shall not be sold in any case. Provisions under article 100, paragraphs 2 and 3, of the Consolidated Laws on matter of drugs and psychotropic substances, approved by Presidential Decree no.309 of 9 October 1990, shall be applied insofar as they are consistent.

8-a. Where applications for assignment of means of transport seized have not been filed, the provisions under article 301a, paragraph 3, of the Consolidated Laws on customs matters under Presidential Decree no.43 of 23 January 1973 as amended, shall apply.

8-b. Disposal may be directly ordered by the President of the Council of Ministers or by the authority thereby delegated, subject to approval of the prosecuting judicial authority.

8-c. Conditions for enforcement shall be established by means of the decree ordering the disposal under paragraph 8-b.

8.d. Properties obtained by the state following a final forfeiture decree shall, upon request, be assigned to the authority or transferred to the body which had the use whereof under paragraph 8 or shall be conveyed or disposed of. Means of transport which have not been assigned or transferred for the purposes under paragraph 8 shall in any case be disposed of. Provisions in force on matter of management and destination of forfeited properties shall be complied with, insofar as they can be applied: For the purpose of establishing allowances, if any, article 301a, paragraph 5 of the said Consolidated Text out under Presidential Decree no.43 of 23 January 1973, as amended, shall apply.

9. Sums of money forfeited following a conviction of the offences set out under this article, as well as sums of money obtained by the sale - where this was ordered -of forfeited properties, shall be destined to the enhancement of prevention and punishment of these offences, also on a national scale, by way of actions directed to cooperation and technical and operational assistance to police forces of countries involved. In this respect, the relevant amounts flow to a proper item of state budgetary receipts in order to be assigned, based on specific requests, to the relevant items of the Ministry of Interior's state budget under the "Public security" accounting record.

9-a Where an Italian patrolling vessel crosses a vessel in territorial waters or in the adjoining area, having reasonable grounds to suspect that it be used for or engaged in the illicit migrants transportation, it may board and search the vessel and, if evidence is found that the vessel is engaged in the smuggling of migrants, it may seize the vessel bringing it to a national harbour.

9-b. Without prejudice to their statutory jurisdiction on matter of national defence, the Military Marine vessels may be used to assist in the activities under paragraph 9-a.

9-c. Powers under paragraph 9-a may be exercised beyond territorial waters not only by the Military Marine vessels, but also by patrolling vessels within the limits provided for by - legislation, by international law or by bilateral or multilateral agreements, where the vessel flies the national flag or the flag of another state or if it flies no flag or a flag of convenience.

9-d Operational procedures of Military Marine vessels and procedures connecting the activities performed by other patrolling vessels shall be established by an inter -ministry decree issued by the Ministries of the Interior, of the Defence, of Economy and Finances, and of Transport.

9.e. Provisions under paragraphs 9-a and 9-c shall also apply to control activities regarding air traffic insofar as they are consistent.

(...)

Chapter III - Humanitarian provisions

Article 18

Slay for reasons of social protection

1. Where, in the course of police operations, investigations or criminal proceedings relevant to either of the offences under article 3 of Law no.75 of 20 February 1958 or to the offences provided for under article 380 of the code of criminal procedure, or in the course of welfare care services provided by local bodies, cases of coercion or grave exploitation are found with respect to an alien and his/her safety is seriously endangered as a result of his/her attempts to escape the pressures exerted by an organisation involved in either of the said offences or as a result of the statements made during the pre-trial investigations or at trial, the Chief of the Police, also upon request by the Chief Prosecutor or upon the latter's favourable opinion, shall deliver a special permit of stay to allow the alien to escape the criminal organisation’s coercion or pressures and to participate in a resettlement program.

2. Evidence of the situation indicated herein shall be communicated to the Chief of the Police by way of the proposal or opinion under paragraph 1; special reference shall be made to the serious and actual danger and to the significance of the contribution provided by the alien with a view to a successful fight against the criminal organisation or to the identification or apprehension of offenders responsible for the offences indicated under the same paragraph. Terms to participate in the resettlement program shall be communicated to the Mayor.

3. A regulation for implementation shall establish the provisions necessary to entrust the performance of the program to bodies other than those statutorily responsible for local welfare care and to execute the relevant controls. The same regulation identifies the requirements suitable to ensure the skills and capacities to assist in the resettlement as well as the availability of adequate facilities on the part of the said bodies.

4. The permit of stay delivered in compliance with this article has a six-month validity and may be renewed for one year or for the additional period required for justice reasons. It shall be withdrawn in case the program is discontinued or in case of conduct inconsistent with the purposes of the program, reported by the Chief Prosecutor or, within the limits of its jurisdiction, by the welfare service of the local body or anyhow ascertained by the Chief of the Police; it shall also be withdrawn failing the other conditions which justified the issuance of the stay.

5. Permits of stay under this article allow access to welfare care and study as well as enrolment at employment bureaux and performance of subordinate employment, subject to the minimum age requirements. Where, upon the expiry of the permit of stay, the individual proves to have an employment, the permit may be further extended or renewed for the length of the employment or, if the employment is not temporary, according to the conditions established in such cases. The permit of stay under by this article may also be turned in a permit of stay on study grounds where its holder is enrolled at a full course of study.

6. Upon dismissal from a prison, permits of stay provided for by this article may be delivered, also upon proposal by the Chief Prosecutor or by the probation judge at the juvenile court, to the alien who served a custodial sentence imposed for offences committed during minority and already actively engaged in a resettlement program.

7. Expenses derived from this article are estimated at 5 billion liras for the year 1997 and 10 billion liras per year as of 1998.

(...)

DECRETO LEGISLATIVO 25 luglio 1998 n. 286

( pubblicato nella Gazzetta Ufficiale del 18 agosto 1998 n.191 - S.O. n. 139 )

 

TESTO UNICO DELLE DISPOSIZIONI CONCERNENTI LA DISCIPLINA DELL'IMMIGRAZIONE E NORME SULLA CONDIZIONE DELLO STRANIERO.

(ultimamente aggiornato il 27 luglio 2005)

(...)

TITOLO II - Disposizioni sull'ingresso, il soggiorno e l'allontanamento dal territorio dello Stato

CAPO II - Controllo delle frontiere, respingimento ed espulsione

(...)

Art. 12 Disposizioni contro le immigrazioni clandestine (Legge 6 marzo 1998, n. 40, art. 10)

1. Salvo che il fatto costituisca più grave reato, chiunque in violazione delle disposizioni del presente testo unico compie atti diretti a procurare l'ingresso nel territorio dello Stato di uno straniero ovvero atti diretti a procurare l'ingresso illegale in altro Stato del quale la persona non é cittadina o non ha titolo di residenza permanente, é punito con la reclusione da uno a cinque anni e con la multa fino a 15.000 euro per ogni persona.

2. Fermo restando quanto previsto dall'art. 54 del codice penale, non costituiscono reato le attività di soccorso e assistenza umanitaria prestate in Italia nei confronti degli stranieri in condizioni di bisogno comunque presenti nel territorio dello Stato.

3. Salvo che il fatto costituisca più grave reato, chiunque, al fine di trarre profitto anche indiretto, compie atti diretti a procurare l'ingresso di taluno nel territorio dello Stato in violazione delle disposizioni del presente testo unico, ovvero a procurare l'ingresso illegale in altro Stato del quale la persona non é cittadina o non ha titolo di residenza permanente, é punito con la reclusione da quattro a quindici anni e con la multa di 15.000 euro per ogni persona.

3 bis. Le pene di cui ai commi 1 e 3 sono aumentate se:

a. il fatto riguarda l'ingresso o la permanenza illegale nel territorio dello Stato di cinque o più persone;

b. per procurare l'ingresso o la permanenza illegale la persona é stata esposta a pericolo per la sua vita o la sua incolumità;

c. per procurare l'ingresso o la permanenza illegale la persona é stata sottoposta a trattamento inumano o degradante;

c. bis) il fatto é commesso da tre o più persone in concorso tra loro o utilizzando servizi internazionali di trasporto ovvero documenti contraffatti o alterati o comunque illegalmente ottenuti.

3 ter. Se i fatti di cui al comma 3 sono compiuti al fine di reclutare persone da destinare alla prostituzione o comunque allo sfruttamento sessuale ovvero riguardano l'ingresso di minori da impiegare in attività illecite al fine di favorirne lo sfruttamento, la pena detentiva é aumentata da un terzo alla metà e si applica la multa di 25.000 euro per ogni persona.

3 quater. Le circostanze attenuanti, diverse da quelle previste dagli articoli 98 e 114 del codice penale, concorrenti con le aggravanti di cui ai commi 3-bis e 3-ter, non possono essere ritenute equivalenti o prevalenti rispetto a queste e le diminuzioni di pena si operano sulla quantità di pena risultante dall'aumento conseguente alle predette aggravanti.

3 quinquies. Per i delitti previsti dai commi precedenti le pene sono diminuite fino alla metà nei confronti dell'imputato che si adopera per evitare che l'attività delittuosa sia portata a conseguenze ulteriori, aiutando concretamente l'autorità di polizia o l'autorità giudiziaria nella raccolta di elementi di prova decisivi per la ricostruzione dei fatti, per l'individuazione o la cattura di uno o più autori di reati e per la sottrazione di risorse rilevanti alla consumazione dei delitti.

3 sexies. All'articolo 4-bis, primo comma, terzo periodo, della legge 26 luglio 1975, n. 354, e successive modificazioni, dopo le parole: ?609-octies del codice penale? sono inserite le seguenti: nonché dall'articolo 12, commi 3, 3-bis e 3-ter, del testo unico di cui al decreto legislativo 25 luglio 1998, n. 286.

3 septies. In relazione ai procedimenti per i delitti previsti dal comma 3, si applicano le disposizioni dell'art. 10 della legge 11 agosto 2003, n. 228, e successive modificazioni. L'esecuzione delle operazioni é disposta d'intesa con la Direzione centrale dell'immigrazione e della polizia delle frontiere.

4. Nei casi previsti dai commi 1 e 3 é obbligatorio l'arresto in flagranza ed é disposta la confisca del mezzo di trasporto utilizzato per i medesimi reati, anche nel caso di applicazione della pena su richiesta delle parti. Nei medesimi casi si procede comunque con giudizio direttissimo, salvo che siano necessarie speciali indagini.

5. Fuori dei casi previsti dai commi precedenti, e salvo che il fatto non costituisca più grave reato, chiunque, al fine di trarre un ingiusto profitto dalla condizione di illegalità dello straniero o nell'ambito delle attività punite a norma del presente articolo, favorisce la permanenza di questi nel territorio dello Stato in violazione delle norme del presente testo unico, é punito con la reclusione fino a quattro anni e con la multa fino a lire trenta milioni.

6. Il vettore aereo, marittimo o terrestre, é tenuto ad accertarsi che lo straniero trasportato sia in possesso dei documenti richiesti per l'ingresso nel territorio dello Stato, nonché a riferire all'organo di polizia di frontiera dell'eventuale presenza a bordo dei rispettivi mezzi di trasporto di stranieri in posizione irregolare. In caso di inosservanza anche di uno solo degli obblighi di cui al presente comma, si applica la sanzione amministrativa del pagamento di una somma da euro 3.500 a euro 5.500 per ciascuno degli stranieri trasportati. Nei casi più gravi é disposta la sospensione da uno a dodici mesi, ovvero la revoca della licenza, autorizzazione o concessione rilasciata dall'autorità amministrativa italiana inerenti all'attività professionale svolta e al mezzo di trasporto utilizzato. Si osservano le disposizioni di cui alla legge 24 novembre 1981, n. 689.

7. Nel corso di operazioni di polizia finalizzate al contrasto delle immigrazioni clandestine, disposte nell'ambito delle direttive di cui all'art. 11, comma 3, gli ufficiali e agenti di pubblica sicurezza operanti nelle province di confine e nelle acque territoriali possono procedere al controllo e alle ispezioni dei mezzi di trasporto e delle cose trasportate, ancorché soggetti a speciale regime doganale, quando, anche in relazione a specifiche circostanze di luogo e di tempo, sussistono fondati motivi che possano essere utilizzati per uno dei reati previsti dal presente articolo. Dell'esito dei controlli e delle ispezioni é redatto processo verbale in appositi moduli, che é trasmesso entro quarantotto ore al procuratore della Repubblica il quale, se ne ricorrono i presupposti, lo convalida nelle successive quarantotto ore.

Nelle medesime circostanze gli ufficiali di polizia giudiziaria possono altresì procedere a perquisizioni, con l'osservanza delle disposizioni di cui all'articolo 352, commi 3 e 4 del codice di procedura penale.

8. I beni sequestrati nel corso di operazioni di polizia finalizzate alla prevenzione e repressione dei reati previsti dal presente articolo, sono affidati dall'autorità giudiziaria procedente in custodia giudiziale, salvo che vi ostino esigenze processuali, agli organi di polizia che ne facciano richiesta per l'impiego in attività di polizia ovvero ad altri organi dello Stato o ad altri enti pubblici per finalità di giustizia, di protezione civile o di tutela ambientale. I mezzi di trasporto non possono essere in alcun caso alienati. Si applicano, in quanto compatibili, le disposizioni dell'articolo 100, commi 2 e 3, del testo unico delle leggi in materia di disciplina degli stupefacenti e sostanze psicotrope, approvato con decreto del Presidente della Repubblica 9 ottobre 1990, n. 309.

8 bis. Nel caso che non siano state presentate istanze di affidamento per mezzi di trasporto sequestrati, si applicano le disposizioni dell'art. 301-bis, comma 3, del testo unico delle disposizioni legislative in materia doganale, di cui al decreto del Presidente della Repubblica 23 gennaio 1973, n. 43, e successive modificazioni.

8 ter. La distruzione può essere direttamente disposta dal Presidente del Consiglio dei Ministri o dalla autorità da lui delegata, previo nullaosta dell'autorità giudiziaria procedente.

8 quater. Con il provvedimento che dispone la distruzione ai sensi del comma 8-ter sono altresì fissate le modalità di esecuzione.

8 quinquies. I beni acquisiti dallo Stato a seguito di provvedimento definitivo di confisca sono, a richiesta, assegnati all'amministrazione o trasferiti all'ente che ne abbiano avuto l'uso ai sensi del comma 8 ovvero sono alienati o distrutti. I mezzi di trasporto non assegnati, o trasferiti per le finalità di cui al comma 8, sono comunque distrutti. Si osservano, in quanto applicabili, le disposizioni vigenti in materia di gestione e destinazione dei beni confiscati. Ai fini della determinazione dell'eventuale indennità, si applica il comma 5 dell'art. 301-bis del citato testo unico di cui al decreto del Presidente della Repubblica 23 gennaio 1973, n. 43, e successive modificazioni.

9. Le somme di denaro confiscate a seguito di condanna per uno dei reati previsti dal presente articolo, nonché le somme di denaro ricavate dalla vendita, ove disposta, dei beni confiscati, sono destinate al potenziamento delle attività di prevenzione e repressione dei medesimi reati, anche a livello internazionale mediante interventi finalizzati alla collaborazione e alla assistenza tecnico-operativa con le forze di polizia dei Paesi interessati. A tal fine, le somme affluiscono ad apposito capitolo dell'entrata del bilancio dello Stato per essere assegnate, sulla base di specifiche richieste, ai pertinenti capitoli dello stato di previsione del Ministero dell'interno, rubrica ?Sicurezza pubblica?.

9 bis. La nave italiana in servizio di polizia, che incontri nel mare territoriale o nella zona contigua, una nave, di cui si ha fondato motivo di ritenere che sia adibita o coinvolta nel trasporto illecito di migranti, può fermarla, sottoporla ad ispezione e, se vengono rinvenuti elementi che confermino il coinvolgimento della nave in un traffico di migranti, sequestrarla conducendo la stessa in un porto dello Stato.

9 ter. Le navi della Marina militare, ferme restando le competenze istituzionali in materia di difesa nazionale, possono essere utilizzate per concorrere alle attività di cui al comma 9-bis.

9 quater. I poteri di cui al comma 9-bis possono essere esercitati al di fuori delle acque territoriali, oltre che da parte delle navi della Marina militare, anche da parte delle navi in servizio di polizia, nei limiti consentiti dalla legge, dal diritto internazionale o da accordi bilaterali o multilaterali, se la nave batte la bandiera nazionale o anche quella di altro Stato, ovvero si tratti di una nave senza bandiera o con bandiera di convenienza.

9 quinquies. Le modalità di intervento delle navi della Marina militare nonché quelle di raccordo con le attività svolte dalle altre unità navali in servizio di polizia sono definite con decreto interministeriale dei Ministri dell'interno, della difesa, dell'economia e delle finanze e delle infrastrutture e dei trasporti.

9 sexies. Le disposizioni di cui ai commi 9-bis e 9-quater si applicano, in quanto compatibili, anche per i controlli concernenti il traffico aereo.

(...)

CAPO III

Disposizioni di carattere umanitario

 

Art. 18 Soggiorno per motivi di protezione sociale (Legge 6 marzo 1998, n. 40, art. 16)

1. Quando, nel corso di operazioni di polizia, di indagini o di un procedimento per taluno dei delitti di cui all'articolo 3 della legge 20 febbraio 1958, n. 75, o di quelli previsti dall'articolo 380 del codice di procedura penale, ovvero nel corso di interventi assistenziali dei servizi sociali degli enti locali, siano accertate situazioni di violenza o di grave sfruttamento nei confronti di uno straniero ed emergano concreti pericoli per la sua incolumità, per effetto dei tentativi di sottrarsi ai condizionamenti di un'associazione dedita ad uno dei predetti delitti o delle dichiarazioni rese nel corso delle indagini preliminari o del giudizio, il questore, anche su proposta del Procuratore della Repubblica, o con il parere favorevole della stessa autorità, rilascia uno speciale permesso di soggiorno per consentire allo straniero di sottrarsi alla violenza e ai condizionamenti dell'organizzazione criminale e di partecipare ad un programma di assistenza ed integrazione sociale.

2. Con la proposta o il parere di cui al comma 1, sono comunicati al questore gli elementi da cui risulti la sussistenza delle condizioni ivi indicate, con particolare riferimento alla gravità ed attualità del pericolo ed alla rilevanza del contributo offerto dallo straniero per l'efficace contrasto dell'organizzazione criminale, ovvero per la individuazione o cattura dei responsabili dei delitti indicati nello stesso comma. Le modalità di partecipazione al programma di assistenza ed integrazione sociale sono comunicate al Sindaco.

3. Con il regolamento di attuazione sono stabilite le disposizioni occorrenti per l'affidamento della realizzazione del programma a soggetti diversi da quelli istituzionalmente preposti ai servizi sociali dell'ente locale, e per l'espletamento dei relativi controlli. Con lo stesso regolamento sono individuati i requisiti idonei a garantire la competenza e la capacità di favorire l'assistenza e l'integrazione sociale, nonché la disponibilità di adeguate strutture organizzative dei soggetti predetti.

4. Il permesso di soggiorno rilasciato a norma del presente articolo ha la durata di sei mesi e può essere rinnovato per un anno, o per il maggior periodo occorrente per motivi di giustizia.

Esso é revocato in caso di interruzione del programma o di condotta incompatibile con le finalità dello stesso, segnalate dal procuratore della Repubblica o, per quanto di competenza, dal servizio sociale dell'ente locale, o comunque accertate dal questore, ovvero quando vengono meno le altre condizioni che ne hanno giustificato il rilascio.

5. Il permesso di soggiorno previsto dal presente articolo consente l'accesso ai servizi assistenziali e allo studio, nonché l'iscrizione nelle liste di collocamento e lo svolgimento di lavoro subordinato, fatti salvi i requisiti minimi di età. Qualora, alla scadenza del permesso di soggiorno, l'interessato risulti avere in corso un rapporto di lavoro, il permesso può essere ulteriormente prorogato o rinnovato per la durata del rapporto medesimo o, se questo é a tempo indeterminato, con le modalità stabilite per tale motivo di soggiorno. Il permesso di soggiorno previsto dal presente articolo può essere altresì convertito in permesso di soggiorno per motivi di studio qualora il titolare sia iscritto ad un corso regolare di studi.

6. Il permesso di soggiorno previsto dal presente articolo può essere altresì rilasciato, all'atto delle dimissioni dall'istituto di pena, anche su proposta del procuratore della Repubblica o del giudice di sorveglianza presso il tribunale per i minorenni, allo straniero che ha terminato l'espiazione di una pena detentiva, inflitta per reati commessi durante la minore età, e ha dato prova concreta di partecipazione a un programma di assistenza e integrazione sociale.

7. L'onere derivante dal presente articolo é valutato in lire 5 miliardi per l'anno 1997 e in lire 10 miliardi annui a decorrere dall'anno 1998.

(...)