Print   

ENATO DELLA REPUBBLICA

XIII LEGISLATURA N.5029

DISEGNO Dl LEGGE

approvato dalla II Commissione permanente (Giustizia) della Camera dei deputati, il 28 febbraio 2001, in un testo risultante dall 'unificazione dei disegni di legge

(V. Stampati Camera n. 5350 e 5851)

d'iniziativa dei deputati POZZA TASCA, BORDON, CAMBURSANO, DANIELI, Dl CAPUA, ORLANDO, PISCITELLO, SICA e VEL TRI (5350); ALBANESE, GAMBALE, BORROMETI, SERVODIO, V ALETTO BITELLI, MAGGI, BIANCHI Giovanni, PISTELLI, DELBONO, GIACALONE, CASINELLI e SCANT AMBURLO (5851 )

e del disegno di legge

(V. Stampato Camera n. 5839)

presentato dal Presidente del Consiglio dei ministri

(D'ALEMA)

dal Ministro per le pari opportunita

(BALBO)

e dal Ministro di grazia e giustizia

(DILIBERTO)

di concerto col Ministro dell'interno

(JERVOLINO RUSSO)

e col Ministro del tesoro, del bilancio e della programmazione economica

(CIAMPI)

Trasmesso dal Presidente della Camera dei deputati alla Presidenza

Il 5 marzo 2001

Misure contro il traffico di persone

DISEGNO Dl LEGGE

Art. 1.

(Riduzione in schiavitit o in servitit)

1. L 'articolo 600 del codice penale e sostituito dal seguente:

«Art. 600. (Riduzione in schiavitit o in servitit). -Chiunque riduce una persona in schiavitu o in servitil e punito con la reclusione da otto a venti anni.

Agli effetti della legge penale si intende per schiavitU la condizione di una persona sottoposta, anche solo di fat to, a poteri corrispondenti a quelli del diritto di proprietit o di altro diritto reale o vincolata al servizio di una cosa. ,

Agli effetti della legge penale si intende per servitil la condizione di soggezione di una persona costretta o indotta a rendere prestazioni sessuali o di altra natura».

Art.2.

(Traffico di persone)

1. Prima dell'articolo 603 del codice penale e inserito il seguente:

«Art. 602-bis. -(Traffico di persone). Chiunque, mediante violenza, minaccia o inganno, costringe o induce una o piil persone a fare ingresso o a soggiornare o a uscire dal territorio dello Stato, o a trasferirsi all'interno dello stesso, al fine di sottoporle allavoro forzato, o a sfruttamento di prestazioni sessuali, o comunque a una condizione di servitU, e punito con la reclusione da otto a venti anni.

La pena e aumentata se i fatti di cui al primo comma sono commessi a danno di minori di diciotto anni.

Quando tre o piu persone si associano allo scopo di commettere i delitti di cui al primo comma, coloro che promuovono o costituiscono od organizzano l'associazione sono puniti, per cio solo, con la reclusione da cinque a dieci anni.

Per il solo fat to di partecipare all'associazione, la pena e della reclusione da quattro a otto anni. I capi soggiacciono alIa stessa pena stabilita per i promotori.

Se l' associazione e armata si applica la pena della reclusione da sei a quindici anni nei casi previsti dal terzo comma, e da cinque adieci anni nei casi previsti dal quarto comma.

L ' associazione si considera armata quando i partecipanti hanno la disponibilita, per il conseguimento della finalitit dell'associazione, di armi o materie esplodenti, anche se occultate o tenute in luogo di deposito.

La pena e aumentata se il numero degli associati e di dieci o piu».

Art.3.

(Norme di coordinamento)

1. All'articolo 600-sexies, primo comma, del cod ice penale, dopo le parole: «600-quinquies» sono inserite le seguenti: «, nonche dagli articoli 600 e 602-bis,».

2. All'articolo 600-sexies, secondo comma, del codice penale, dopo le parole: «600-ten> sono inserite le seguenti: «, nonche dagli articoli 600 e 602-bis,».

3. All'articolo 600-sexies, quarto comma, del codice penale, dopo le parole: «600-ten> sono inserite le seguenti: «, nonche dagli articoli 600 e 602-bis,».

4. All'articolo 600-septies del codice penale, dopo le parole: «600-quinquies» sono inserite le seguenti: «, nonche dagli articoli 600 e 602-bis,».

Art.4.

(Abrogazioni)

I. Gli articoli 601 e 602 del codice penale sono abrogati.