Print   

LEGGE 30 novembre 2000 n.114

REPUBBLICADlSAN MARINO

LEGGE SULLA CITT ADINANZA

Noi Capitani Reggenti la Serenissima Repubblica di San Marino

Promulghiamo e mandiamo;qpubblicare la seguente legge approvata dal Consiglio Grande e Generale nella seduta del30 novembre2000.

Art.lDella cittadinanza per origine

Sono cittadini sammarinesi per origine:

I.i figli di padre e madre entrambi cittadini sarnmarinesi;

2. i figli di padre sammarinese e madre non sarnmarinese, a condizione che entro dodici mesi dal raggiungimento della maggiore eta dichiarino di volermantenere la cittadinanzadelpadre;

3. i figli di madre sarnmarinese e di padre non sarnmarinese, a condizione che entro dodici mesi dal raggiungimento della maggiore eta dichiarino di voler la cittadinanza della madre;

4. i figli di genitore sarnmarinese se l'altro genitore e ignoto o apolide;

5. gli adottati da cittadino sarnmarinese conformemente alle norme sull'adozione ed ai sensi dei punti precedenti;

6. i nati nel territorio della Repubblica se entrambi i genitori sono ignoti o apolidi.

Art.2Della cittadinanza per naturalizzazione

Possono divenire cittadini sammarinesi per naturalizzazione coloro ai quali la cittadinanza e concessa dal Consiglio Grande e Generale, con leggi straordinarie da approvare con maggioranza qualificata dei due terzi dei suoi componenti, in base ai seguenti criteri:

1. essere iscritti nei registri della popolazione residente al momento dell' approvazione della legge straordinaria di cui sopra.

2. Aver dimorato effettivamente per almeno trenta anni continuativi, nel territorio della Repubblica, intendendosi per dimora esclusivamente i periodi di possesso della residenza anagrafica, del permesso di soggiomo ordinario o speciale continuativo; l'attestazione della dimora dovra essere rilasciata esclusivamente e tassativamente dai competenti uffici pubblici. Per i coniugi di cittadino/a sarnmarinese, qualora non sia pendente o definito procedimento di separazione- coniugale o di nullita o di scioglimento o di cessazione degli effetti civili del matrimonio, il periodo di dimora effettiva e ridotto della meta. Lo straniero residente dalla nascita in Repubblica puo richiedere la naturalizzazione qualora almeno uno dei genitori o degli ascendenti di 2° grado abbia dimorato in Repubblica fino a raggiungere almeno trenta anni. La cittadinanza acquisita per naturalizzazione si estende anche al figlio minorenne convivente naturalizzato. Qualora la cittadinanza sammarinese per naturalizzazione sia acquisita da uno solo d~i genitori permanendo l'altro nella cittadinanza estera, questa si estende al figlio minore al raggiungimento della maggiore eta:

3. Non aver riportato in Repubblica o a11'estero condanna per reato non colposo a1la pena della prigionia o dell'interdizione superiore ad un anno.

4. Rinunciare ad ogni altra cittadinanza posseduta. Per i minorenni tale rinuncia dovra essere effettuata entro dodici mesi da1 raggiungimento della maggiore eta.

5. Prestare giuramento di fedelta alla Repubblica avanti ai Capitani Reggenti ed a1 Segretario di Stato per gli Affari Intemi.

La cittadinanza acquista natura originaria per i naturalizzati che, figli di madre sammarinese, ne facciano specifica richiesta entro sei mesi da1 compimento della maggiore eta.

Il Consiglio Grande e Generale, almeno una volta ogni dieci anni, e tenuto a deliberare sulla concessione della cittadinanza per naturalizzazione ai forensi residenti in Repubblica in possesso dei requisiti di cui al presente articolo.

Art.3Formalita per I 'atto di mantenimento e scelta della cittadinanza

La dichiarazione di voler mantenere la cittadinanza sammarinese di cui al punto 2 dell'articolo 1 e la dichiarazione di voler scegliere la cittadinanza della madre di cui a1 punto 3 comma 1 dell'articolo 1, devono essere rese persona1mente dall'interessato avanti all'Ufficiale di Stato Civile, oppure, se residenti all'estero, avanti all'autorita diplomatica o consolare sarnmarinese che provvedera all'inoltro all'Ufficia1e di Stato Civile.

Art.4Perdita volontaria della cittadinanza a seguito di matrimonio

I cittadini sammarinesi, che contraggono matrimonio con stranieri, conservano la cittadinanza purche, a seguito del matrimonio, non acquistino la cittadinanza dei coniugi stranieri per effetto di espressa manifestazione di volonta.

L 'Ufficiale di Stato Civile esegue la cancellazione, dai registri della cittaqinanza, del cittadino che abbia acquisito la cittadinanza straniera ai sensi del comma precedente.

I coniugi stranieri di cittadini sammarinesi residenti sono iscritti nei Registri della popolazione residente a seguito di seniplice richiesta.

Art.5Assunzione e riassunzione della cittadinanza

I figli di cittadino o cittadina sammarinese che rientrano in territorio hanno diritto alla residenza e possono acquisire o riacquisire la cittadinanza dopo aver risieduto anagraficamente ed effettivamente in Repubblica per a1meno dieci anni. Tale facolta verra esercitata nelle stesse forme previste dal quarto comma dell' articolo 8.

Il cittadino per origine, divenuto forense a seguito di matrimonio, qua1ora riacquisti 10 stato libero per vedovanza o annullamento, scioglimento o cessazione degli effetti civili del matrimonio, riassume la cittadinanza mediante semplice presa d' atto del Consiglio Grande e Genera1e della relativa manifestazione di volonta dell' interessato.

Le istanze di assunzione e riassunzione di cui ai commi precedenti, corredate dai documenti di rito, dovranno essere inoltrate al Consiglio Grande e Generale che provvedera a prenderle in ,7isione almeno ogni sei mesi.

Condizione per l'accoglimento delle istanze di assunzione e riassunzione della cittadinanza sammarinese e non aver riportato, in Repubblica o all'estero, condanna per reato non colposo alIa pena della prigionia o dell'interdizione superiore ad un anno.

Art.6Rinuncia e perdita della cittadinanza

La cittadina divenuta sammarinese per matrimonio per effetto delle nonne vigenti anterionnente all' entrata in vigore della presente legge, nonche il cittadino o cittadina naturalizzati per matrimonio dopo cinque anni dall ' acquisto dello stato libero per annullamento, scioglimento, c.essazione degli effetti civili del matrimonio, perdono la cittadinanza qualora siano in possesso della cittadinanza di un altro Stato e non siano piu residenti.

Oltre al caso previsto dall'articolo 4, la cittadinanza sammarinese si perde per atto di esplicita rinuncia quando il richiedente dimostri di aver acquisito la cittadinanza di altro Stato, ovvero dichiari espressamente che la rinuncia stessa e necessaria per l' acquisto di altra cittadinanza.

L' atto di rinuncia va presentato al Consiglio Grande e Generale, che ne prende atto nella sua piu prossima seduta.

Gli effetti della rinuncia decorrono dalla pJesa d'atto del Consiglio Grande Generale e non si estendono al coniuge e ai figli nati prima dellarinuncia.

L 'Ufficiale di Stato Civile, una volta acquisita la relativa documentazione, cura la cancellazione, dai registri di cittadinanza, del rinunciante.

I1 minore che acquista la doppia cittadinanza per effetto della rinuncia dell'ascendente alla cittadinanza sammarinese dovra optare per una sola cittadinanza entro dodici mesi dal raggiungimento della maggiore eta.

Art.7Modifica dell'articolo6della Legge 31 gennaio 1996 n.31

L' articolo 6 della Legge 31 gennaio 1996 n.31 "Legge Elettorale" e cosi integrato: I. I1 cittadino che compie il 18° anno di eta successivamente all' entrata in vigore della presente legge, non residente anagraficamente ed effettivamente nel territorio e figlio di cittadino nato e residente all'estero e iscritto nelle liste elettorali della Repubblica a seguito di apposita domanda.

2. La domanda di cui al punto 1 del presente articolo deve essere presentata personalmente all 'Ufficio di Stato Civile, dopo il compimento della maggiore eta, decorso un anno dall'acquisto del1a effettiva residenza anagrafica nel territorio.

3. I1 cittadino di cui al punto 1 del presente articolo e iscritto nelle liste elettorali d'ufficio se residente anagraficamente ed effettivamente da almeno cinque anni precedenti il raggiungimento del1a maggiore eta.

Art.8Disposizioni finali e transitorie

Sono abrogate le Leggi 25 febbraio 1974 n.ll , 27 marzo 1984 n.32 e successive modifiche e 15 dicembre 1997 n.144, nonche ogni altra nonna in contrasto con la presente legge.

Per i matrimoni tra un cittadino ed una donna straniera contratti prima deU ' entrata in vigore della presente legge si applicano le disposizioni di cui all' articolo 3 deUa Legge 27 marzo 1984 n.32 cosi come modificato dall'articolo 1 della Legge 15 dicembre 1997 n.144.

I figli di madre sammarinese che, aU' entrata in vigore della presente legge abbiano compiuto la maggiore eta e siano residenti anagraficamente ed effettivamente in Repubblica da almeno dieci anni continuativi, possono richiedere la cittadinanza della madte, con apposita dichiarazione che deve essere resa all'Ufficiale di Stato Civile nel perentorio tennine di dodici mesi daUa data di entrata in vigore della presente legge. La cittadinanza cosi acquisita ha natura originaria e si trasmette ai figli maggiorenni purche in possesso del requisito della residenza decennale anagrafica

ed effettiva e se presentino dichiarazione analoga a quella presentata da1loro genitore nel medesimo termine perentorio.

I figli di madre sarnmarinese, che a1l ' entrata in vigore della presente legge abbiano compiuto la maggiore eta e siano residenti anagraficamente ed effettivamente in Repubblica da meno di dieci anni possono richiedere, allo scadere del decimo anno di residenza, la cittadinanza della madre, con apposita dichiarazione che deve essere resa all'Ufficiale di Stato Civile nel perentorio terrnine di dodici mesi. La cittadinanza cosi acquisita ha natura originaria e si trasmette ai figli maggiorenni purche in possesso del requisito della residenza decerinale anagrafica ed effettiva e se presentino dichiarazione analoga a quella presentata dalloro genitore nel medesimo termine perentorio.

Per i figli minori di eta di madre sammarinese di cui ai commi precedenti si applicano le disposizioni di cui a1 punto 3 dell'articolo 1 della presente legge e dell'articolo 3.

Art.9Disposizioni penali

Chiunque, ai fini dell'acquisto, del mantenimento o del riacquisto della cittadinanza, rilascia dichiarazioni o produce documentazione non veritiera e punito a norrna delle vigenti disposizioni del Codice Pena1e e viene cancellato dai Registri della Cittadinanza con provvedimento del Giudice Penale.

Del provvedimento emanato dal Giudice Pena1e e data comunicazione al Consiglio Grande e Genera1e.

Il pubblico ufficialeche rilascia false certificazioni, dichiarazioni o attestazioni ai fini di cui a1la presente legge e punito ai sensi del Codice Penale.

Art.l0Entrata in vigore

La presente legge entra in vigore il quinto giorno successivo a quello della sua legale pubblicazione.

I figli di padre sammarinese e di madre non sammarinese di cui al punto 2 dell'articolo 1, i quali compiono il 18 o anno di eta fmo a1 giorno dell'entrata in vigore della presente legge compreso, non sono soggetti all' obbligo di effettuare la dichiarazione di voler mantenere la cittadinanza del padre.

Data dalla Nostra Residenza, addi 1° dicembre 2000/1700 d.F .R.

I CAPIT ANI REGGENTI

(Gian Franco Terenzi- Enzo Colombini)

IL SEGRETARIO DI STATO

PER GLI AFF ARI INTERNI (Francesca Michelotti)